Anche questa non è mia, ma conferma un mio precedente post.

Da Facebook, alla faccia di quelli che: ci pagheranno le pensioni. (  Sperando che non abbiano portato qui i vecchi genitori, a cui verseremmo anche la pensione) SVEGLIAAAAAAAAAA

 

Questa è la busta paga di un lavoratore con moglie a carico e tre figli a carico.
I contributi Inps che vengono versati all’Inps a carico azienda sono 349 euro sulla retribuzione lorda ma, al contempo, l”Inps deve al lavoratore 317 euro per gli assegni familiari; inoltre il lavoratore versa a suo carico all’Inps il 9,19% (130 euro) ma ottiene detrazioni fiscali per 260 euro (quindi non paga un euro di tasse) e in aggiunta riceve anche gli 80 euro.
Quindi sommando importi a debito e a credito questo lavoratore allo Stato non versa nulla ma, al contrario, prende.
Ecco questa è una busta paga tipica di un lavoratore dipendente immigrato, quelli che ci pagheranno le pensioni.
Questo lavoratore che, ripeto, non versa un euro allo Stato, grava sul welfare con il suo nucleo familiare di 5 persone usufruendo dell’assistenza sanitaria gratuita, asili nido, abitazione del Comune, scuola pubblica.
Ripeto non versando un euro allo Stato, ma a carico del contribuente italiano, figuriamioci se può pagarci la pensione. Spiegatelo ad Oliviero Beha.

paghe extra

Torna la Grecia

E ci risiamo, la Grecia è di nuovo nei guai, mi spiace perchè si trova a dover fare da esempio per tutti gli altri, per cui è un pò la vittima sacrificale di tutta l’Europa, ma non vedo alternative. Non riesco a capire chi deve pagare i debiti quando qualcuno sbaglia. Certo, una percentuale minima può essere “a fondo perduto”, ma quando questa diventa pesante, che si fa? Far fallire il debitore ( figliol prodigo o compagno che sbaglia )non va bene, far fallire le banche neppure (vedi caso banca Etruria, Popo Vicenza, ecc dove viene richiesto l’intervento dello stato) allora a rimetterci che dev’essere? Ah già, i fornitori o i lavoratori, cioè la parte sana, quella che davvero produce? Iol trionfo dei parassiti, e le formiche si fottano. Solo che poi se le formiche diventano cicale perchè si sono rotte le palle di fare i fessi, come finisce?

Articolo di Paolo Bernard… che ne dite?

MA VOI LI AVETE MAI VISTI I NEGRI IN AZIONE?

L’avete vista la foto qui sopra? No, guardatela ancora, prima di leggere. No, non è colpa nostra qui, no. Un attimo e vi spiego chi è quel bimbo, e c’è da vomitare sui NEGRI.

Non capivo, non mi ci racapezzavo. Ero nell’ex Rhodesia, al confine con lo Zambia, e vedevo queste donne accasciate per le strade a chiedere l’elemosina. Sapete com’erano? Eramo mostri inimmaginabili neppure dal peggior make up artist della Hollywood dell’horror. Partite dai seni, se ancora li avevano, e andate in su. Normalmente ci sono le spalle e il collo e il volto, no? No. Quelle donne negre sopra i seni avevano una colata di carne fusa putrefatta a forma di cono, con talvolta due buchi in alto che dovevano essere stati gli occhi. Le vedevo con una mano tesa a chiedere l’elemosina. E sapete voi bella gente chi erano? Erano donne che i NEGRI, i NEGRI dell’Africa LIBERA DAI PORCI INGLESI, AMERICANI, MULTINAZIONALI E ALTRI BASTARDI, erano donne che i negri prendevano legavano a un albero, gli mettevano un copertone d’auto attorno al collo inzuppato di benzina e gli davano fuoco. Quando il cranio il collo e le spalle si erano fuse in un orrore di ustioni liquefatte, spegnevano il fuoco, poi appena le donne si riprendevano, quelle che non morivano, le mettevano in strada a fare l’elemosina col sistema del racket, la quota al pappone. E aspettate: credete che i negretti che passeggiavano per i fatti loro si fermassero ad aiutarle? No, nessuno, nessuno neppure le cosiderava, erano ‘paesaggio’. I bravi normali negri.

E il pappone di queste povere atroci donne non era Goldman Sachs, o Whitehall, o la Monsanto. No, erano NEGRI, che alla faccia di quel falsario venduto alla Rand Corporation e al Fondo Monetario di Nelson Mandela, erano e rimangono delle bestie in così tanti casi dove i bianchi non c’entrano e mai c’entrarono (i bambini soldati della Liberia? eh? chi li recluta? Bush? La Fiat? Putin? Perché i ‘bravi negri’ non si rifiutano di farlo anche se fosse Soros a pagarli? eh?). I negri d’Africa sanno essere le peggiori bestie disumane del pianeta. E gli inglesi non c’entrano più un cazzo oggi.

Ora il bambino della foto.

In Nigeria il bambino di 5 anni della foto sopra arranca per le strade fortunato di essere ancora vivo. E’ infestato dai vermi, pesa un terzo di un nostro bimbo della stessa età. Nooo, chi l’ha ridotto così non è Goldman Sachs, o Whitehall, o la Monsanto. Lo hanno ridotto così i NEGRI dell’Africa, gente che ancora in immense maggioranze crede alla stregoneria, alla magia nera, e questo bimbo, come decine di migliaia come lui, è stato accusato di essere… no, no, giuro sulla mia vita che non è una provocazione… E’ stato accusato…

… di essere una strega. Lo hanno torturato, a 5 anni, lo hanno torturato. Poi bambini così li cacciano dalle loro madri e dai villaggi, ed ecco come li riducono, a 5 anni, i NEGRI dell’Africa. Ci ha pensato una donna danese a lanciare al mondo la verità di cosa sti fetenti NEGRI dell’Africa sanno fare ai loro simili. Lei si chiama Anja Ringgren Lovén e ha fondato una ONG per questi poveri inimmaginabilmente straziati piccoli. Affermo con assoluta certezza che le Capò dei Lager Nazisti mai arrivarono a infliggere ai piccoli ebrei torture di questo tipo prima di ammazzarli. I negri…

Questa cosa mi perseguitava la coscienza ogni volta che ero in Africa e vedevo, e io vedevo cazzo che orrori indicibili erano perpetrati da negri su negri, e cazzo, l’imperialismo NON C’ENTRAVA PIU’ NULLA. E’ CHE SONO BESTIE LORO, non tutti certo, ma a milioni lo sono. Non sono stati gli inglesi che hanno insegnato ai negri a uccidere i negri albini per cavarne gli occhi nelle credenza che mangiarli curi le loro malattie. Non mentiva il missionario veneto che mi soccorse quando ero alla disperazione nella baraccopoli di George Compund in Zambia, e che mi disse: “Sono 16 anni che tento in tutti i modi di elevare questa gente al di sopra della bestialità, ma non ce la fanno, e qui non c’entrano la multinazionali”. A 50 metri dalla sua parrocchia vidi un infante di meno di 5 mesi abbandonato nell’indifferenza dei genitori in una pozza di acqua e carbone, nudo e semi affogato. Urlava aiuto, io ero in agonia, ma nessuno intorno lo considerava.

Quando un qualche timido ma erudito storico dell’Africa all’università di Bologna osò nel 1994, l’anno del genocidio del Rwanda, dire che sti negri, sti Hutu e Tutzi, si erano massacrati in quel modo di routine per secoli prima del 1994, fu zittito dalle ’belle anime’ perché non si doveva dire che i NEGRI sono spesso le peggiori bestie del pianeta. Bisognava dire che la colpa era dei Belgi, dei Francesi, dell’ONU, e di certo una parte la fecero, ma no, erano secoli che si massacravano così. Cosa potevo fare o dire io quando nei Paesi dell’Africa Sub Sahariana vedevo i negri arricchiti, quelli in Mercedes e vestiti di abiti firmati, trattare i propri simili con un razzismo da far impallidire Cecil Rhodes? Giuro, quello era il peggior razzismo che io avessi mai visto in vita mia. Cazzo, vedevo ste merde di donne negre grasse e ricche trattare bambini e servi negri come neppure Goebbels avrebbe fatto.

Imparate, voi infarciti di idee fasulle dalla retorica della dittatura culturale della ‘sinistra’ terzomondista delle ‘belle anime’ che incolpa sempre noi bianchi per le disgrazie dei negri. Quella retorica trainata dagli inglesi, eh certo, quegli assassini incalliti dei britannici che dopo aver fatto 20 Olocausti alla Hitler nel mondo (Churchill solo lui ne ha ammazzati oltre 29 milioni) ora sono devastati dalla colpa, e hanno inventato il “non toccate i negri” (il politically correct). Riguardate la foto qui sotto, imparate cosa sono la maggioranza dei negri e cosa sanno fare a un piccolino come lui, prima di sparlare di giustizia globale.

Cosa voglio dire? Solo che è ora di dirci la verità, come sugli italiani. Esistono esseri-bestie, esseri scimmie-cani, in ogni angolo del mondo, sono irriformabili, no! non saranno mai educabili, e sono la grande maggioranza. E’ ora che ci ficchiamo in testa che vanno solo costretti da elite umanitarie a obbedire verso un mondo migliore. Costretti a obbedire. Fine. Guardate che dall’Illuminismo in poi, il 90% di noi è divenuto civile solo per obbligo ed emulazione, ma al primo allentamento della corda che ci trattiene torniamo bestie, e gli esempi storici si sprecano qui. Non abbiamo tempo di ‘educare’ i negri che sanno fare questo al bimbo qui sotto, il bimbo-strega… Non ci possiamo permettere quel tempo. Avreste concesso ai tedeschi e alle SS nel 1940 il tempo di educarsi al rispetto degli ebrei mentre ne bruciavano 6 milioni, con 3 milioni di omosessuali, deportati e zingari?Which baby

Pazzia senza confini.

Le banche centrali continuano a comprare di tutto, buoni del tesoro, azioni, corporate bond, di tutto e di più. Con quali soldi, non si è capito. Ma mi sa a debito, nello stesso tempo i governi di tutto il mondo , Giappone, Usa, Arabia Saudita, Cina, Brasile, Francia, UK (200 miliardi in un anno, un vero record),  ovviamente ITALIA ecc.ecc.continuano ad aumentare il debito, (tranne i cattivi tedeschi), e cosi fanno i privati. Una marea di debito sempre in crescita, ormai più che una marea sembra uno tsunami… . Ma tutto è normale, madama la marchesa e la juve vince il 5° scudetto, e questo è l’importante. Pazzia. Chi vivrà, se sopravvivrà, vedrà.

Antipaticissimo.

Rifaccio il calcolo MEDIO che ho gia fatto in passato. Un dipendente che lavora 40 anni,   ( prima 35 e anche molto meno) calcolando 8 ore al giorno e 227 giorni lavorativi l’anno, ( non contando maternità e immaginando  che non ci siano malattie gravi ) significa che con circa 8 anni di lavoro effettivo, STIPENDIATO, ci si dovrebbe mantenere più che decorosamente (o si è mantenuti da qualcun altro, genitori e/o stato?) per 80 anni (aspettativa di vita). Un rapporto 1 a 10, non mi sembra affatto male. MAI IN PASSATO L’ESSERE UMANO HA MAI AVUTO COSI TANTO TEMPO LIBERO COME  DA NOI, OGGI, IN OCCIDENTE. Godiamocelo, perchè non dura.

Il conteggio, se volete verificare: 365 giorni all’anno, 104 tra sabati e domeniche, 10 giorni festivi, 24 giorni di ferie (non ho calcolato i permessi) sommate il tutto, moltiplico per 8 ore e ho il monte ore annuale, moltiplico per 40 anni lavorativi, (35 fino a poco tempo fa, ma qual’è la media reale delle pensioni già erogate, tra babypensioni, prepensionamenti, pensioni agevolate, ecc.ecc.?) poi diviso /24 /365/ trasformo di nuovo in anni e ottengo il numero di anni effettivi di lavoro . Il conto è stato fatto tenedo conto di un contratto normale, di 40 ore settimanali e su quello che è (era) uno stipendio medio. E’ una media, c’è chi lavora molto di più, si spera guadagnando di più, ma anche chi lavora di meno, senza dimenticare che si dovrebbe togliere una percentuale di ore lavoro per malattia, assenteismo e fancazzismo, di bassa produttività. Chiunque ha mai provato a confrontare la produttività di un operaio “normale” con lo stesso lavoratore messo “a cottimo” sa di cosa parlo.

Ps, visto che fa arrabbiare questo mio modo di calcolare gli anni di lavoro, fate il calcolo solo sulle ore, cioè calcolare il rapporto ore lavorate (pagate, cioè che diano un reddito) sul totale delle ore di vita.

Ore pagate:  227*8*40= 72.640

Ore vita:       365*24*80= 700.800

Vox populi Vox Dei?

Sta storia della democrazia mi ha un pò rotto le palle. Cos’è la democrazia? E’ la dittatura della maggioranza sulla minoranza, e mi può stare anche bene, ma però c’è una questione da risolvere prima, e cioè: La maggioranza ha ragione solo per il fatto di essere maggioranza?

La storia c’insegna che tutto ciò che è progresso, civile, tecnologico, scientifico è stato fatto DA UNA MINORANZA, rivoluzioni, scoperte, idee, sono sempre stati pensati e sviluppati all’interno di ristretti gruppi di persone, quando non dal singolo, mentre la massa, la maggioranza, si preoccupava dei propri bisogni quotidiani. Se nel 300 avessero fatto un referendum per decidere se la terra era piatta o tonda, come sarebbe finito? E la ricerca scientifica, medica, tecnologica, politica? Quanti scienziati, rivoluzionari e filosofi sono stati bruciati sul rogo, impiccati o impalati mentre la maggioranza assisteva, spesso festeggiando, insultando e beffeggiando i malcapitati? Ripeto fino alla noia: non è a caso che il cristianesimo definisce “gregge” il popolo, o in alternativa “popolo bue” per i politici e “parco buoi” di finanziaria memoria. Pecore e buoi, non esattamente gli animali considerati più intelligenti; molto utili si, ma intelligenti… .

Referendum. Perchè no.

Io non ho votato al referendum, e vi voglio spiegare il perchè. Sono stufo di referendum, ma non solo perchè tanto poi fanno quello che vogliono lo stesso, ma anche perchè trovo assurdo che si coinvolga il popolo in questioni TECNICHE, che non è in grado di giudicare oggettivamente. I referendum hanno un senso su questioni etiche, divorzio, aborto, immigrazione, adozioni dei gay e simili, ma su questioni tecniche non li accetto. Ci sono personaggi BEN PAGATI per prendere certe decisioni, e spetta a loro, SOLO A LORO la responsabilità di fare le scelte. Invece di sprecare milioni in referendum inutili, limitiamoci a far pagare a carissimo prezzo, economicamente e penalmente, gli errori a tutti questi signori che guadagnano, ripeto, molto bene, invece che gettare la responsabilità su milioni di persone che non hanno le conoscenze per poter dare un parere, per giudicare su questioni squisitamente tecniche che richiederebbero mesi di studio approfondito. Quando ci si ammala, si va da uno o più medici, non si chiede un parere ai vicini di casa o a qualunque passante, o sbaglio? Come posso io stabilire il grado di rischio di una centrale nucleare? Certo, posso pensare che è rischiosa, ma in quale percentuale? Perchè anche l’auto, i coltelli, le caldaie, i cani e le biciclette sono pericolose in una certa percentuale, che facciamo, aboliamo? Ripeto, se queste decisioni spettano al “popolo” cosa cazzo servono gli esperti?
Questa non è democrazia, questo è scaricabarile, io li PAGO per assumersi le responsabilità, e se proprio bisogna fare un referendum, ne propongo uno io: Siete voi d’accordo che chi ha grandi responsabilità con relativi grandi onori e onorari, venga punito altrettanto pesantemente se si dimostra un’incompetente? E volete punire altrettanto pesantemente coloro che l’hanno messo in quella posizione? (per pesantemente intendo rovina economica, gogna in piazza e poi a lavorare in miniera).

Odio gli sbruffoni.

Gli sbruffoni non sono coloro che pensano di esser meglio degli altri, ma coloro che credono di poter fare a meno di tutti gli altri.

Non sopporto i tipi che contestano il socialismo come concetto base. In facebook trovi degl’idioti che trovano frasi come “il bene comune prima del bene dell’individuo” orripilanti e simbolo di “socialismo”; come si può essere cosi imbecilli da criticare una frase del genere? Forse i coglioni credono di essere dei padreterni che in una situazione in cui il bene comune non esiste, siano loro “l’uno su mille che ce la fa” ad emergere, tipico di tutti i cretini pensare di essere speciali, per poi trovarsi, di solito, a piangere affogando nella propria cacca. Sono cosi stupidi da considerare questa frase un’alternativa, cioè “o il bene comune, o il bene del singolo”, mentre se usassero quei due neuroni che hanno nel vuoto cranico ( non capisco perchè per i fisici *** sia cosi difficile trovare “la materia oscura”,  gli basterebbe cercare nel cranio di molti) per ragionare capirebbero che si dice invece “prima il bene comune” per sottintendere il “poi quello dell’individuo”; che è ovvio, perchè se va bene a tutti, significa che va bene ad ognuno, mi sembra una banalità. Ma essendo loro appunto cretini, non immaginano neppure che questo non significhi che tutti devono stare bene, o male, allo stesso modo, ma che ognuno debba stare bene secondo i propri meriti, perchè non si vuole stabilire il massimo, ma solo il minimo.

Ma davanti alla stupidità che si parla a fare, non c’è peggior sordo dei cretini, che grazie a dio di solito la pagano, solo che purtroppo sono troppo cretini per capire il perchè, per cui “lezione sprecata”.

*** Fisici inteso come scenziati di fisica, non per palestrati. (nel caso capitasse qui un cretino, meglio precisare)  🙂

Ho la fissa delle pensioni

Perchè? Perchè sono il cancro, non l’unico ma il più grosso, che sta uccidendo l’economia di questo paese, il che significa uccidere il paese stesso. Finalmente c’è qualcuno che comincia a rendersene conto, e ogni giorno si pubblicano dati che lo dimostrano; provate a mettere su google le parole pensioni e scandalo, e affogherete nei casi di ogni tipo, da quelle d’oro, a quelle dei sindacalisti, quelle attive da 35 anni, quelle che sono il doppio dei contributi versati, quelle d’invalidità e d’accompagnamento concesse a gente che non ne ha assolutamente bisogno, quelle false, quelle sociali date a chi MAI ha pagato contributi, quelle baby, quelle di reversibilità ingiustificate, ecc.ecc. .  . NON SONO LE PENSIONI DI PER SE IL PROBLEMA, MA COME SONO STATE EROGATE E GESTITE, la pensione deve servire a garantire una vecchiaia dignitosa, non a garantire il mantenimento di stili di vita molto agiati, pensioni superiori ai 2800/3000 euro NETTI al mese, sono un’assurdità economica .

Tutto ciò sta uccidendo la nostra economia, STANNO UCCIDENDO il futuro nostro e dei nostri (vostri, io non ne ho) figli. Non bastasse questo, c’è la corsa alla pensione, tutti cercano di andare in pensione, e c’è chi incentiva i prepensionamenti; è una cosa assurda, suicida ma sembra inarrestabile, e sapete perchè? Perchè siamo in democrazia, e i pensionati SONO TANTI, probabilmente troppi, quasi come i cretini, i vari partiti (coadiuvati dai media) li corteggiano e assecondano insieme a una parte del mercato.  I giovani se ne fregano, i vecchi colgono l’occasione, quelli in mezzo, che pagano per tutti, son troppo pochi. Ragazzi, sono guai grossi se non si troverà il coraggio di riformare profondamente e RAPIDAMENTE questo settore, ripristinando un sistema pensionistico giusto e sopportabile tagliando in modo spietato i privilegi di cui troppi godono.

AI VECCHI IL FUTURO NON INTERESSA, PERCHE’ NON LI RIGUARDA.

Solo ieri chiaccherando con delle persone, mi sono sentito dire la classica frase, “ma non possiamo solo lavorare tutta la vita” detta appunto da qualcuno che vorrebbe andare in pensione. Ora, io ho risposto che personalmente sono più di 35 anni che lavoro, ma mi sembra anche di aver vissuto nel frattempo, ho viaggiato, mi sono divertito, ho litigato, investito, giocato, sono andato in bar e ristoranti, sposato, fatto sport, dormito, litigato, passeggiato, scritto, letto, comprato auto, computer, case, mobili, elettronica ecc.ecc. insomma ho fatto e visto un sacco di cose, non “solo lavorato”. Che io sia un caso unico? Strano perchè ho visto un sacco di gente che come me faceva le stesse cose, e molti hanno fatto e fanno cose che io non ho mai fatto, quindi quanti sono quelli che hanno “solo lavorato”? Finchè avremo un modo cosi stupidamente partigiano di vedere le cose queste potranno solo peggiorare.

Ma la cosa più stupida, è quanti sono convinti che il crollo richieda anni, molti, e perciò credono che il problema sarà per i nostri figli, non per noi. Essendo io ormai 56 enne spero che abbiano ragione, ma temo che si sbaglino. A costoro ricordo che i crolli sono sempre rapidissimi, la storia, antica e recente lo dimostra; facendo un esempio a noi vicino, se 8 anni fa avessi chiesto ad un libico od ad un siriano le loro aspettative per il futuro, credete che avrebbero lontanamente previsto ciò che gli sarebbe successo da li a poco? Sei/sette anni fa ad un mio parente chiesero un preventivo per una lavorazione da realizzare in una fabbrica che una grande multinazionale farmaceutica voleva costruire; Sapete dove?  Ad Aleppo, Siria.

index

http://pensioni.quotidiano.net/news/2015/05/29/inps-il-90-delle-pensioni-di-militari-e-poliziotti-vale-doppio/

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-05-15/pensioni-pa-impiegati-sfiorano-2200-euro-mese-alcune-eccezioni-cui-donne-113553.shtml?uuid=ABznaqgD&refresh_ce=1

Io, un Orco di Tolkien.

Noi, i Troll, gli Orchi.

Presente i film della trilogia dell’anello di Tolkien? Beh, in quella trilogia c’è l’eterna lotta tra il bene e il male, tra gli hobbit, gli umani, i nani e gli Elfi e i troll e gli orchi. Beh, io appartengo a questi ultimi. Sono un Orco. Beh,  non sono bello, ma nemmeno cosi brutto, ma appartengo sicuramente alla loro squadra. Si, appartengo alla squadra di coloro che cementificano, inquinano, distruggono la natura, dei cattivi insomma. Sigh. Certo che però i “buoni” hanno gioco facile, loro pontificano la loro bontà dalle case che noi cementificatori gli abbiamo costruito, con i mezzi tecnici ed energetici che noi inquinatori gli abbiamo dato, con la pancia piena che noi sfruttatori delle risorse gli forniamo;  perché se loro possono esistere è grazie a quel progresso che NOI cattivi abbiamo creato. Se loro hanno l’acqua, l’energia elettrica, riscaldamento, abitazioni, computer, televisioni, frigoriferi, biciclette, automobili, lavatrici, lavastoviglie, abiti, smartphone, cibo in abbondanza, insomma se  hanno di tutto, è MERITO NOSTRO, DEI TROLL E DEGLI ORCHI, e non certo perché madre natura, o per chi ci crede Dio, glieli ha forniti. Loro, i buoni difendono la natura, dimenticando che la natura non è buona ne cattiva, ma è spietata. In mezzo mondo si muore di fame e di sete, e guarda te, succede dove non è arrivato il progresso, il NOSTRO progresso, dove si coltiva ancora con i metodi naturali, senza sfruttamento della terra… in compenso sfruttando abbondantemente i poveri disgraziati che, come è successo anche da noi fino a pochi anni fa, in cambio del loro duro lavoro ottengono un piatto di lenticchie. Perché cari idioti, senza i trattori, i diserbanti, i fertilizzanti chimici e il progresso, la normalità è sempre stata la penuria, se non la fame. E grazie a noi cattivi che si sono potuti inventare e costruire i frigoriferi, i trattori, le sementi selezionate, la coltivazione intensiva che forse sarà poco “Bio” ma vi ha fatto mangiare abbondantemente e vi permette di dire le vostre stronzate al riparo delle intemperie e dalla fame. Ma a voi questo non interessa, voi siete “umanisti” voi coltivate la cultura e la bellezza non siete cosi terra a terra come noi che badiamo al sodo, vuoi mettere la commozione di essere davanti ad un’opera d’arte o ascoltare una poesia? Beh, mi piacerebbe lasciarvi senza cibo per un po’ di giorni, e poi vedere quanti di voi scegliereste un quadro di Van Gogh a un panino alla mortadella, o farvi raccogliere pomodori a mano per 12 ore e poi vedere com’è la vostra predisposizione poetica la sera con la schiena a pezzi. Estremizzo, lo so, ma a volte trovo davvero insopportabile la prosopopea di certi moralisti che non si rendono conto di ciò che i “cattivi” hanno creato, che è ciò che permette la loro stessa sopravvivenza, e di cui approfittano ampiamente ogni giorno. Certo, noi cattivi lo abbiamo fatto per il nostro interesse, e non dico che un controllo, una moderazione non ci debba essere, anzi è importante che ci sia, ma vorrei che si ricordasse che NOI, I TROLL E GLI ORCHI, SIAMO LA FORZA MOTRICE, e che se è giusto che questa sia anche frenata e sorvegliata, è altresi giusto che venga riconosciuta la sua fondamentale importanza e utilità, perché il mondo senza di noi sarebbe molto, ma molto peggiore, com’è stato per migliaia di anni e come qualcuno vorrebbe che si tornasse.  Niente è peggio dallo sputare nel piatto in cui si mangia.

 

L’UNICO MODO DI SCONFIGGERE LA POVERTA’ E’ ELIMINARE I POVERI, CHE SONO I PEGGIORI NEMICI DI SE STESSI, E QUESTO è POSSIBILE SOLO CONTROLLANDO LA CURVA DEMOGRAFICA E TRASFORMANDOLI IN CLASSE MEDIA, CIOE’ IN TROLL E ORCHI, DELEGANDO I LAVORI PEGGIORI ALLE MACCHINE.

 

E SEMPRE, GUERRA TOTALE ALLA FINANZA SPECULATIVA, IL VERO MALE ASSOLUTO.