Beh, se non altro ….

vedo che le mie teorie spesso sono valide. Non che sia una grandissima soddisfazione, ma meglio di niente; a cosa mi riferisco? Ieri in una trasmissione tv hanno chiesto ad un pò di persone quanto era il nostro debito pubblico, ma a romani, gente di classe media, non nei bassifondi e quasi nessuno ne aveva idea. Ora, anche mettendoci il fatto che probabilmente  il servizio, era ” guidato” rimane il fatto che, come sempre sostenuto, l’Italiano medio non capisce un cavolo di economia, sente parlare di debito pubblico, ma non sa neppure quanto è, a cosa corrisponde: e questo è ciò che ci stà colando a picco, insieme ai sindacati. Ho davanti a me Barbagallo, uno dei tre dirigenti sindacali, e stà sparando fuori di quelle cazzate indegne, ma si capisce che non ha mai lavorato davvero negli ultimi 35 anni (se c’è qualcosa che non sopporto, sono coloro che non si rendono conto che c’è lavoro e lavoro, e che tra fare il commercialista, il muratore, fare le pulizie,  l’artigiano, o il sindacalista c’è un’enorme differenza, anche se sono tutti lavori, differenza di fatica, impegno, stress, rischio, soddisfazione, riconoscimento, guadagno ecc.ecc.)

Perchè vedete, chi davvero lavora è l’imprenditore, piccolo o grande che sia, non perchè gli operai o i dipendenti non lavorino, sia chiaro, ma perchè a differenza di questi, il suo lavoro non finisce mai, non ha orari ne ferie, ed è quasi sempre con la testa sul lavoro, perchè tranne casi fortunati, i problemi ci sono sempre e comunque, se c’è lavoro di solito è troppo, se non c’è bisogna trovarlo . Molti contesteranno questa mia affermazione, ma sono convinto che, con le debite eccezioni, (ci sono dipendenti che pensano al lavoro sempre,mentre l’imprenditore che non ci pensa di solito fallisce) e senza estremizzare,sia vera, e chiunque sia stato autonomo lo sa.

Comunque ascolto tutti, giornalisti, esperti, gente comune,ma mi sembra che sia sempre la stessa cosa, lo stato paghi, ma non facendoci pagare le tasse. Ci credo che non capiamo quanto è il nostro debito pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *