Cara vecchia locomotiva.

A forza di ignorare la manutenzione della locomotiva per occuparsi dei vagoni, questa stà tirando gli ultimi.images

In questi giorni il Giannino di radio 24 ha parlato dei “furbetti del cartellino” a proposito della nuova “stretta” del governo Renzi. La cosa che mi ha fatto, tanto per cambiare, andare in bestia è un tizio che telefona, un calabrese che lavora nella P.A. che dice che a volte è meglio che certe persone anzichè stare in sei in un ufficio a non fare nulla, e magari a litigare,è meglio che vadano a fare la spesa. (devo decidermi a segnare data e ora cosi da fornirvi il link al podcast). Mi ricorda una bella battuta di un comico che diceva di aver lavorato alle ferrovie a reggio calabria, che più o meno era cosi: ieri il mio capo mi ha visto uscire con il timbra cartellino, e mi ha chiesto cosa stavo facendo: “mi porto il lavoro a casa”. Ma nessuno si ricorda che costoro SONO PAGATI?

E quelli dei 5stelle vogliono il reddito di cittadinanza? Ma quanti sono in Italia coloro che di fatto ce l’hanno già da anni, e anche un buon reddito, che da anche una buona, se non ottima, pensione? Ma dove crediamo di poter arrivare così? Nota che Giannino non ha commentato, spero che lo abbia fatto per ragioni di opportunità. La stessa opportunità che giornalisti, ovviamente, negano agli altri, ad esempio ai candidati sindaci di Roma, dove un giornalista , mi sembra vicedirettore del Messaggero, rimproverava i due candidati sindaci di non aver accennato al problema dello stipendio accessorio che  viene dato ai dipendenti del comune di Roma. In campagna elettorale? In una città che tra dipendenti diretti e indotto vive al 80% sulla burocrazia?

O questo giornalista è completamente coglione, o probabilmente il solito ipocrita italico che si fa bello a spese degli altri. Immagino che costui in una trasmissione televisiva mattutina chiederebbe di verificare se tutti i pensionati che prendono la minima siano poveri, o sosterrebbe la revisione contributiva delle pensioni o parlerebbe contro le casalinghe. Non lo farebbe dite?  Chissà perchè. Povera Italia. A già, comunque è colpa dell’Europa e dei Tedeschi.

Ps, una curiosità: ma secondo voi, l’anno horribilis è quello in cui ci si ammala, o quello in cui si muore? E’ l’anno della Fornero o quando hanno fatto leggi pensionistiche insostenibili economicamente? E’ l’anno in cui le banche danno mutui a cani e porci, o quello in cui saltano travolte dai crediti non riscossi? O l’anno horribilis è quello pieno di imbecilli, cioè ogni anno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *