Cinismo, aziende, errori e business.

Sono tornato. Scusate.

Beh, dopo un pò troppo tempo, rieccomi. Per cambiare, comincerò con parlare un pò di me, cosa che non faccio praticamente mai; non so perchè lo faccio, ma in fondo perchè no? Chi mi segue sa che sono, anche a parere di tutti i miei amici e conoscenti, un “cinico”.

cinismo

Ora, personalmente sono abbastanza d’accordo, perlomeno se visto nell’ottica di Oscar Wilde, “Il cinismo é l’arte di vedere le cose come sono, non come dovrebbero essere”; io aggiungerei anche “o come si vorrebbe che fossero” che è anche più esatto.

Perché si diventa cinici? Immagino per esperienze di vita, personalmente ne ho avute alcune spiacevoli, ma ho cercato di farne tesoro. Tranquilli, parliamo ovviamente di “business”, non parlo mai delle mie esperienze emotivo-sentimentali, e posso dire che ho avuto la mia parte di fallimenti, fortunatamente, o prudentemente, sopportabili dal punto di vista finanziario. Ora, io le considero tutte lezioni di vita, costose 🙁 🙂 ma utili, che mi hanno insegnato a considerare tante variabili da valutare quando ci si vuol riprovare.

Cosa ho imparato? Ad esempio a considerare i tempi, ho tentato una esperienza web nel lontano 92, dapprima con un sito che presentava le offerte dei supermercati, fallito perché erano troppo pochi allora i fruitori della rete e le connessioni troppo lente, poi provai a coinvolgere degli investitori per creare un qualcosa di ciò che poi altri hanno creato, sarebbe diventato Netflix, che a me sembrava una cosa talmente ovvia da fare, ma quando la presentavo ai possibili investitori sembrava di proporre un incontro con i marziani; più avanti ho cercato di creare una rete commerciale particolare legata ai distributori di carburante, idea che ritengo tutt’ora molto valida ma abortita in fasce di fronte alla mancanza di fantasia dei “clienti” che a grande maggioranza non riuscivano a vedere l’insieme del progetto; e ancora ho provato con la produzione e commercializzazione di alcuni articoli di mia invenzione e adesso stò riprovandoci nuovamente con la rete.

Ora, premetto che considero quasi tutte questi miei tentativi sensati, non degli errori conclamati, ma dove ho sbagliato i tempi, calcolato male il rapporto costi/benefici  e sopravvalutato la capacità d’immaginazione.

Ma la cosa più importante che mi hanno insegnato i miei errori, è che la logica non è uguale per tutti, ( che di per se non ha senso, la logica è logica, quindi dovrebbe essere uguale per tutti)  ma non funziona con gli esseri umani. Una delle mie citazioni più classiche è “non esistono i fatti, ma solo le opinioni” e queste ultime non sono quasi mai obbiettive, ma sono un effetto conseguente delle esperienze passate e della percezione superficiale del presente ( un po’ come spiegare nel 500 che la terra era rotonda, un’idea che si scontrava, e si scontra, con la nostra percezione immediata della realtà e quindi allora assai difficile da accettare), e questo rende difficile il lavoro a chi, come me, guarda al futuro.

Alcuni dei siti da me immaginati ormai più di 20 anni fa, oggi sono stati realizzati con successo da altri confermando e confortandomi se non altro sulla loro validità  concettuale, ma non trovai appoggi ne finanziari ne operativi. Altre mie iniziative si sono scontrate con la mancanza d’immaginazione, nell’incapacità di vedere i vantaggi dell’agire in gruppo e nella sfiducia di base che è sempre presente ( a meno che tu non sia una figura istituzionale. Se sei un banchiere il truffare è facilissimo), altre a banali, ma sanguinose, questioni finanziarie, i costi PUBBLICITARI semplicemente non erano sopportabili. Mie colpe? Una soprattutto , non sono un tipo insistente, e mi stanco facilmente. Qualcuno direbbe che sono un pigrone. Se non fosse cosi faticoso, negherei. 🙂

Iniziare un’impresa di successo non è affatto facile, specie oggi, dove ai problemi logici, il mercato, i costi, la concorrenza, si aggiunge una burocrazia asfissiante, che ancora più del fisco, impedisce alle aziende di decollare. Meno male che oggi c’è la rete, che a prezzi accettabili permette di provare iniziative che , anche se con pochissime probabilità, danno però la possibilità di avere successo, anche un grandissimo successo, e su queste intendo insistere.

P.S.

E qui, mi sembra giusto spezzare una lancia a mio favore: mi si accusa di essere pessimista (catastrofista a volte), eppure nella mia vita sono già “caduto” 6 volte, iniziando un’attività e chiudendola, ma mi sono sempre rialzato e continuo a riprovarci, cosa che stò rifacendo anche in questo momento; è un comportamento normale per un pessimista?

2 pensieri su “Cinismo, aziende, errori e business.

  1. sono assolutamente in linea con il tuo pensiero dato che anche io ho provato, e sto provando, sulla mia pelle quanto ci si scotta a cercare di applicare nella realta’ i sogni, le idee, le intuizioni che ho avuto.
    a parte la validita’ o meno della idea sto provando che la cosa piu’ complicata e’ capire il timing corretto……si !,, proprio il timimg ritengo sia la cosa determinante nel successo di una nuova avventura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *